IT

Alia (Italia)

Alia è una città della Sicilia.

Alia
Appellativi Città Giardino
Stato Italia
Regione Sicilia
Territorio Entroterra palermitano
Altitudine 710 m s.l.m.
Superficie 45,98 km²
Abitanti 3.378 (2021)
Prefisso tel +39 091
CAP 90021
Fuso orario UTC+1
Patrono Maria SS. delle Grazie
Posizione
Mappa dell’Italia
Alia
Sito istituzionale

. . . Alia (Italia) . . .

Il primo insediamento nel luogo dove nascerà Alia si ha durante l’epoca islamica. In quello che è il feudo di Lalia, nascono i casali di Yhale’, Gurfa, Ottumarrano e Kharse.

Nel 1296 viene annotato il casale di Yhale’ nel censo dei feudatari.

Nel 1366 Rainaldo Crispo da Messina acquisisce il casale, l’abitato si svuota e rimane solo il feudo.

Nel 1408 il feudo di Lalia ricomincia ad essere abitato.

Nel 1537 Vincenzo Imbarbara s’investe del feudo di Lalia.

Nel 1568 Giovanni Crispo e Villarant, barone di Prizzi, s’investe del feudo di Lalia.

Nel 1600 Pietro Celestri, marchese di Santa Croce, s’investe del feudo di Lalia.

Nel 1617 Donna Francesca Cifuentes, ormai vedova del Celestri, diventa baronessa di Lalia, ottenendo dal re spagnolo Filippo III la concessione di colonizzare il feudo, edificare case, carceri, chiese, nominare il castellano, il capitano, il giudice e altri ufficiali. Nasce il comune di Alia. Gli studi recenti da parte dello storico Eugenio Guccione presso l’archivio di stato di Madrid hanno comunque portato alla costituzione di una diversa cronologia dell’evento, che va anticipato di due anni.

Nel 1820 scoppia un’insurrezione carbonara contro i borboni con assalto alla casa del giudice distrettuale e rogo dei documenti notarili.

Nel 1848 scoppia un’altra insurrezione popolare contro i borbonici. Vengono bruciati i documenti di legge.

Nel 1857 ai Celestri succede il principe di Sant’Elia.

Nel 1860 prendendo parte ai moti per la riunificazione dell’Italia, anche ad Alia sventola il tricolore italiano. Nella cappella di Santa Rosalia (detta “la nica”) viene rappresentata la santa con in mano una bandiera tricolore.

Nel 1862, esattamente il 6 agosto, giungeva ad Alia, e vi pernottava, Giuseppe Garibaldi.

Nel 1901 l’avvocato Matteo Teresi denuncia i tristi avvenimenti che coinvolgono alcuni preti e donne aliesi. Da questi fatti Andrea Camilleri ha tratto il suo romanzo La setta degli angeli.

Nel 1946, esattamente il 22 settembre, mentre era in corso una riunione di contadini, nella casa del segretario della Camera del Lavoro, per discutere delle possibilità di assegnare i feudi “Raciura” e “Vacco” alle cooperative di contadini, in seguito ai decreti Gullo, ignoti lanciarono bombe a mano all’interno della casa e poi spararono colpi di lupara. I contadini Girolamo Scaccia e Giovanni Castiglione morirono sul colpo, mentre altri 13 rimasero feriti.

La strada principale è la via Garibaldi in cui si concentrano tutti i bar e i locali che in estate pullulano di gente del paese.

. . . Alia (Italia) . . .

This article is issued from web site Wikivoyage. The original article may be a bit shortened or modified. Some links may have been modified. The text is licensed under “Creative Commons – Attribution – Sharealike” [1] and some of the text can also be licensed under the terms of the “GNU Free Documentation License” [2]. Additional terms may apply for the media files. By using this site, you agree to our Legal pages . Web links: [1] [2]

. . . Alia (Italia) . . .

Back To Top