IT

Capi di Stato della Repubblica Centrafricana

I capi di Stato della Repubblica Centrafricana dal 1960 (data di indipendenza dalla Francia) ad oggi sono i seguenti.

Questa voce sull’argomento politici centrafricani è solo un abbozzo.

Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia.
Presidente della Repubblica Centrafricana
Président de la République centrafricaine

Stemma della Repubblica Centrafricana

Faustin-Archange Touadéra, attuale Presidente della Repubblica Centrafricana

Stato Repubblica Centrafricana
Tipo Capo dello Stato
In carica Faustin-Archange Touadéra
da 30 marzo 2016
Istituito 12 dicembre 1960
21 settembre 1979
(carica ristabilita)
Durata mandato cinque anni, rinnovabili una volta
Bilancio 3,049€/mensili[1]
Sede Palazzo del Rinascimento, Bangui
Sito web la-renaissance.cf
Modifica dati su Wikidata ·Manuale

. . . Capi di Stato della Repubblica Centrafricana . . .

Presidente

(nascita-morte)

Titolo

Partito Elezione Mandato Note
Inizio Fine
Repubblica Centrafricana
David Dacko

(1930–2003)

Presidente

(Presidente del governo provvisorio dal 14 agosto 1960 al 12 dicembre 1960)

MESAN 1964 14 agosto 1960 1º gennaio 1966 Dacko è stato presidente del governo dal 1º maggio 1959, finché il Paese non ha dichiarato la sua indipendenza il 13 agosto 1960.
Jean-Bédel Bokassa

(1921–1996)

Presidente

MESAN a seguito di colpo di Stato 1º gennaio 1966 4 dicembre 1976 Bokassa ha preso il potere da Dacko con un colpo di stato.

Ha cambiato il suo nome in Salah Eddine Ahmed Bokassa dopo la conversione all’Islam il 20 ottobre 1976.

Impero Centrafricano
Bokassa I

(1921–1996)

Imperatore

MESAN 4 dicembre 1976 21 settembre 1979 Proclamazione dell’Impero Centrafricano
Repubblica Centrafricana
David Dacko

(1930–2003)

Presidente

MESAN, UDC A seguito di colpo di Stato 21 settembre 1979 1º settembre 1981 Questa è stata la seconda volta di Dacko come presidente della Repubblica Centrafricana.

Nel febbraio 1980, Dacko ha istituito l’Unione Democratica Centrafricana (UDC) come l’unico partito politico del paese.

André Kolingba

(1936–2010)

Presidente del Comitato militare di recupero nazionale (fino al 21 settembre 1985)

Presidente e Capo di Stato (fino al 21 novembre 1986)

Presidente

Militare, RDC 1981, 1992 1º settembre 1981 22 ottobre 1993
Ange-Félix Patassé

(1937–2011)

Presidente

MLPC 1993, 1999 22 ottobre 1993 15 marzo 2003 Bozizé ha lanciato un colpo di Stato senza successo contro il governo di Patassé il 28 maggio 2001.
François Bozizé

(1946-vivente)

Presidente

Militare
Kwa Na Kwa
A seguito di colpo di Stato
2005, 2011
15 marzo 2003 24 marzo 2013 Bozizé ha preso il potere da Patassé con un colpo di stato.

Poco dopo, nominò Abel Goumba come primo ministro. Goumba aveva servito come primo ministro nel 1959, prima di essere rovesciato da Dacko.

Michel Djotodia

(1949-vivente)

Presidente fino al 18 agosto 2013

Capo di Stato di transizione

Militare A seguito di colpo di Stato 24 marzo 2013 10 gennaio 2014 Guerra civile nella Repubblica Centrafricana
Alexandre-Ferdinand Nguendet

(1972-vivente)

Capo di Stato di transizione ad interim

RPR Ad interim 10 gennaio 2014 23 gennaio 2014
Catherine Samba-Panza

(1954-vivente)

Capo di Stato di transizione

Indipendente Transizione 23 gennaio 2014 30 marzo 2016 Samba-Panza è stata il primo capo di Stato femmina della Repubblica Centrafricana.
Faustin-Archange Touadéra

(1957-vivente)

Presidente

Indipendente 2015-2016, 2020 30 marzo 2016 in carica In precedenza, Touadéra è stato primo ministro sotto Bozizé dal 2008 al 2013

. . . Capi di Stato della Repubblica Centrafricana . . .

This article is issued from web site Wikipedia. The original article may be a bit shortened or modified. Some links may have been modified. The text is licensed under “Creative Commons – Attribution – Sharealike” [1] and some of the text can also be licensed under the terms of the “GNU Free Documentation License” [2]. Additional terms may apply for the media files. By using this site, you agree to our Legal pages . Web links: [1] [2]

. . . Capi di Stato della Repubblica Centrafricana . . .

Back To Top