IT

Guspini

Guspini (Gùspini in sardo[5]) è un comune italiano di 11 318 abitanti della provincia del Sud Sardegna. Si trova nell’antica subregione storica del Monreale.

Guspini
comune
(IT) Guspini
(SC) Gùspini
Guspini – Veduta
Localizzazione
Stato  Italia
Regione Sardegna
Provincia Sud Sardegna
Amministrazione
Sindaco Giuseppe De Fanti (lista civica) dal 31-5-2015 (2º mandato dal 26-10-2020)
Territorio
Coordinate

39°32′23.85″N8°37′36.02″E

Altitudine 137 m s.l.m.
Superficie 174,67 km²
Abitanti 11 318[1] (31-08-2021)
Densità 64,8 ab./km²
Frazioni Montevecchio (condivisa con il comune di Arbus), Sciria, Sa Zeppara
Comuni confinanti Arbus, Gonnosfanadiga, Pabillonis, San Nicolò d’Arcidano (OR), Terralba (OR)
Altre informazioni
Cod. postale 09036;

09030 (Montevecchio)

Prefisso 070
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 111034
Cod. catastale E270
Targa SU[2]
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)[3]
Cl. climatica zona C, 1 130 GG[4]
Nome abitanti (IT) guspinesi
(SC) guspinesus
Patrono san Nicola di Bari
Giorno festivo 6 dicembre
Cartografia

Guspini
Guspini – Mappa

Posizione del comune di Guspini nella provincia del Sud Sardegna

Sito istituzionale
Modifica dati su Wikidata ·Manuale

. . . Guspini . . .

Guspini è posizionato in una conca alle pendici del sistema collinare monte Santa MargheritaSu Montixeddu. Il territorio comunale è prevalentemente pianeggiante, con diverse aree collinari e presenta un’escursione altimetrica che va dai 725 m s.l.m del monte Maiori allo sbocco sul mare tramite lo stagno di San Giovanni e la laguna di Marceddì.

Dell’insediamento umano nel territorio guspinese esistono testimonianze pre-nuragiche, nuragiche, feniciopuniche, bizantine e romane.

Il centro abitato ha una struttura alto-medioevale, con la chiesa di Santa Maria di Malta, fondata dai cavalieri dell’omonimo ordine[6], come testimonianza più antica. La villa di Guspini nel medioevo fece parte del giudicato d’Arborea, nella curatoria di Bonorzuli. Non lontano, sul monte Arcuentu, i giudici possedevano un castello risalente al 1100, che fu dato dal giudice Barisone I ai genovesi nel 1164. Alla caduta del giudicato (1420) entrò a far parte del Marchesato di Oristano, e alla definitiva sconfitta degli arborensi (1478) passò sotto la dominazione aragonese; gli aragonesi incorporarono il paese nella contea di Quirra, feudo dei Carroz, e nel 1603 nel marchesato di Quirra feudo prima dei Centelles e poi degli Osorio de la Cueva. A questi ultimi fu riscattato nel 1839 con la soppressione del sistema feudale.

Dalla metà del XIX secolo Guspini ha legato la sua storia alle miniere di Montevecchio.

Chiesa di San Nicola di Mira, rosone
  • Chiesa di San Nicola di Mira, edificata in stile tardogotico nella prima metà del Seicento. La facciata presenta un coronamento orizzontale, ed è contraddistinta da un portale riccamente scolpito e grande rosone in pietra.
  • Chiesa di Santa Maria di Malta, realizzata in stile romanico a partire dal X secolo: era parte integrante di un convento di monaci di rito greco-bizantino.
  • Chiesa di San Pio X, risalente al 1966
  • Chiesa di San Giovanni Bosco, edificata nel 1997 presso il quartiere di Is Boinargius.

. . . Guspini . . .

This article is issued from web site Wikipedia. The original article may be a bit shortened or modified. Some links may have been modified. The text is licensed under “Creative Commons – Attribution – Sharealike” [1] and some of the text can also be licensed under the terms of the “GNU Free Documentation License” [2]. Additional terms may apply for the media files. By using this site, you agree to our Legal pages . Web links: [1] [2]

. . . Guspini . . .

Back To Top